Rilievi fotogrammetrici aerei: 3 ragioni per scegliere la fotogrammetria con drone

Perché scegliere il noleggio droni per i rilievi fotogrammetrici aerei.

Il rilievo fotogrammetrico, in particolare quello aereo, è ormai indispensabile nei più svariati settori industriali. Uno degli strumenti maggiormente utilizzati per compiere rilievi fotogrammetrici aerei è il drone, uno strumento flessibile e ideale per qualsiasi lavoro si possa compiere in volo.

La fotogrammetria con drone si applica a tantissimi settori, tra cui l’architettura, l’ingegneria, la geologia e perfino la medicina. Questi sono soltanto degli esempi dei campi di applicazione dei SAPR, che ormai si utilizzano in una moltitudine di contesti.

Ma come mai un numero sempre più alto di aziende (e non solo) sceglie i droni per il rilievo aerofotogrammetrico? Come mai questi velivoli sono passati dall’essere un prototipo militare all’essere utilizzati in tantissimi ambiti?

Oggi vogliamo darti 3 motivi fondamentali che non si possono di certo ignorare.

1) Il costo (molto basso) dei rilievi fotogrammetrici aerei con drone.

basso costo dei rilievi fotogrammetrici aerei con drone

Converrai con noi che il risparmio sia uno degli aspetti che attira maggiormente le persone, che siano aziende o privati.

I rilievi fotogrammetrici classici, svolti grazie alle operazioni di topografi e altri professionisti, comportano settimane o addirittura mesi di lavoro in base alle dimensioni dell’area da trattare. E, naturalmente, i professionisti vanno pagati per tutta la durata delle operazioni.

La possibilità di svolgere un rilievo di migliaia di ettari in una sola giornata di lavoro, come succede grazie ai droni, è stata davvero una manna dal cielo per chi ha la necessità di un servizio di fotogrammetria.

I SAPR possono infatti rilevare milioni di punti mediante l’impiego di videocamere e laser scanner di ultima generazione, in tempi estremamente brevi e dunque a costi contenuti. E i rilievi svolti sono estremamente precisi.

Leggi anche: Foto fatte con drone: gli errori (spezza qualità) più comuni

2) La precisione dei dati raccolti durante la fotogrammetria aerea con drone.

I lavori di fotogrammetria tradizionali presentano, di solito, numerosi errori umani. Il motivo è molto semplice: i topografi, durante i rilievi classici, devono localizzare l’area interessata punto per punto.

Le ore di lavoro sono tantissime e i punti da raccogliere milioni. La possibilità di compiere errori (certamente risolvibili) è molto alta e rallenta il lavoro di post produzione.

Un drone professionale, invece, è capace di rilevare milioni di punti in poche ore di lavoro e in maniera estremamente precisa grazie all’attrezzatura ad hoc.

Unendo un software di fotogrammetria alle fotografie digitali scattate dai droni possiamo:

  1. analizzare in brevissimo tempo i milioni di punti rilevati dai droni,
  2. scremare in pochi minuti gli eventuali punti rilevati per errore,
  3. elaborare ortofoto, modelli digitali del terreno (DTM, DSM, nDSM), mappe 3d e tanto altro ancora.

Le nuvole di punti prodotte durante un rilievo fotogrammetrico con drone sono molto dense (circa 100 punti per metro cubo) e permettono, quindi, di ottenere elaborati dettagliatissimi.

3) La sicurezza sul lavoro, un aspetto da non trascurare durante i rilievi fotogrammetrici.

Uno dei principali vantaggi dati dalla fotogrammetria con drone è il notevole miglioramento della sicurezza sul lavoro rispetto ai classici rilievi.

Alcune aree particolari mettono a dura prova la sicurezza e la salute dei topografi che svolgono i rilievi fotogrammetrici. Basti pensare alle zone impervie, dove i professionisti rischiano di scivolare e/o rovinare a terra, alle aree a rischio tossicità e ai luoghi inaccessibili dall’uomo.

I droni possono sorvolare queste aree in tutta sicurezza. Anche gli operatori e i piloti lavorano nella più completa tranquillità, poiché possono monitorare le azioni del drone a distanza.

Questa circostanza permette loro di svolgere rilievi accurati, operare su zone inaccessibili (e magari mai rilevate) senza rischi per la salute o la vita.

Leggi anche: Rilievi con drone: quali vantaggi rispetto ai metodi tradizionali?

Fotogrammetria aerea con drone: chi può svolgerla?

operatori per aerofotogrammetria con drone

Ora che conosci i principali vantaggi dell’aerofotogrammetria con drone, vorrai probabilmente sapere chi può svolgere le varie operazioni di rilievo.

Possono compiere i rilievi (insieme ad altre mansioni specializzate) solo gli operatori autorizzati ENAC che possono svolgere operazioni critiche, non critiche e miste.

Inoltre è necessario disporre dell’attrezzatura necessaria per compiere i rilievi fotogrammetrici, come videocamere professionali e laser scanner.

Non ti sorprenderà sapere che noi di Overfly possiamo compiere per te i rilievi fotogrammetrici di cui hai bisogno! Ci occuperemo delle operazioni a 360°, a partire dalla pianificazione, per poi passare ai rilievi sul campo fino ad arrivare alla post produzione, ovvero all’elaborazione dei dati mediante software di fotogrammetria.

Ti presenteremo il lavoro finito come da te richiesto, che tu abbia bisogno di mappature 3d, di modelli digitali del terreno, di ortofotografie o di qualsiasi altro elaborato.

Contattaci subito per parlarci del tuo progetto e richiedere un preventivo gratuito e senza impegno!

CONTATTACI OGGI STESSO

Necessiti di un servizio aereo con uno o più droni? Possiamo aiutarti! Contattaci oggi stesso per parlare delle tue esigenze con un nostro operatore qualificato.