Fotogrammetria con drone: applicazioni pratiche

Come abbiamo avuto modo di vedere nell’articolo: Fotogrammetria con drone: restituzione finale di un rilievo aerofotogrammetricola fotogrammetria è una particolare tecnica di rilievo che permette di acquisire dati metrici di uno specifico oggetto/area. Oggi questa tecnica è diventata una delle metodologie più veloci ed efficaci per effettuare dei rilievi. Con il passare del tempo, l’affinamento delle tecniche e il miglioramento dei mezzi SAPR impiegati nei rilievi, la fotogrammetria è oggi impiegata per molteplici scopi, in diversi settori e campi di applicazione. Se fino a qualche tempo fa i droni venivano utilizzati esclusivamente per diletto, o per semplici riprese e scatti fotografici, oggi sono invece diventati la colonna portante di un’attività in continua crescita per un mercato in forte espansione. Lo sviluppo di questo settore è stato reso possibile grazie alle potenzialità che i SAPR offrono.

Non si tratta solamente di semplici scatti fotografici, o dei creare video aziendali avvincenti, quanto piuttosto un legame collaborativo stretto piano piano tra tecnologia, innovazione e vari campi di applicazione. Tra questi, ad esempio, possiamo ricordare: architettura, beni culturali, archeologia, geologia, cartografia tecnica, cartografia tematica, campo incidentistica, ecc… Ognuno di questi specifici settori ha la possibilità di sfruttare le capacità e i punti di forza della fotogrammetria con drone.

 


Fotogrammetria con drone in architettura

L’architettura è senza dubbio uno dei principali campi nei quali trova maggiore applicazione la tecnica della fotogrammetria con drone. In questo settore i droni costituiscono un punto di riferimento per rilievi precisi e soprattutto veloci. La fase di acquisizione dati grazie ai SAPR è diventata molto rapida, senza parlare dell’elaborazione dei dati stessi, resa ancora più veloce grazie all’impiego di specifici software.

Dai modelli texturizzati infatti sono facilmente estraibili fotopiani 2D, come ad esempio: piante, sezioni e prospetti. Grazie ai rilievi dei droni è possibile valutare dettagliatamente ogni singolo elemento costitutivo e fondamentale degli edifici e da questi stimare con precisione eventuali interventi di ristrutturazione e/o nuove costruzioni. Senza contare che i modelli 3D che vengono realizzati sono facilmente importabili in qualsiasi programma di rendering. Da questi poi è semplice ricreare viste e fotoinserimenti realistici.

Fotogrammetria con drone

L’impiego dei droni in archeologia

Altro campo che spesso e volentieri richiede l’impiego dei droni è quello archeologico. La fotogrammetria con drone applicata all’archeologia restituisce sicuramente i migliori risultati possibili combinando alla perfezione tempistiche e qualità dei dati raccolti. La forza dell’impiego dei droni in questo settore risiede nel fatto che la fotogrammetria rileva sia la forma effettiva del manufatto, che l’aspetto cromatico dell’oggetto analizzato. Questo consente di verificare e studiare le mutazione subite nel tempo dall’oggetto. Non solo. In archeologia non sono rari i casi in cui si rende necessario ricoprire uno scavo a seguito dei rilievi effettuati. In questo caso la fotogrammetria con drone consente di creare un modello perfetto del sito archeologico. Quest’ultimo è perfettamente interrogabile in qualsiasi momento, senza aver bisogno di tornare a scavare sul luogo della scoperta.

Fotogrammetria con drone e beni culturali

L’Italia vanta un patrimonio architettonico e culturale senza paragoni nel mondo. Per questo motivo lo studio e la valutazione dello stato delle opere d’arte e dei monumenti nostrani, ricopre una notevole importanza. Ecco quindi che entrano di nuovo in gioco i droni e le tecniche fotogrammetriche. I rilievi eseguiti con i droni in questo caso servono a recuperare in tempi molto brevi dati metrici per lo studio di eventuali strutture murarie e reperti di piccole dimensioni. In questo modo i dati possono essere analizzati ovunque e in qualunque momento senza avere comunque sotto mano l’oggetto del rilievo. Senza contare che in questo modo è possibile creare una florida banca dati relativa ad ogni bene culturale accessibile in qualunque momento, anche in seguito ad eventuali eventi che potrebbero averne modificato struttura e proprietà.

Fotogrammetria con drone

Droni e Geologia, cartografia tecnica e tematica

La geologia è senza dubbio un campo applicativo primario per la fotogrammetria con drone. Utilizzare i SAPR in questo campo significa riuscire a creare in tempi molto brevi e con una certa facilità, i DEM con un dettaglio estremamente elevato per la verifica della stabilità dei versanti e calcolo caduta massi in condizione di emergenza. Per la cartografia tecnica risultano fondamentali le ortofoto che possono essere prodotte dai rilievi fotogrammetrici eseguiti con i droni.

Incidentistica e rilievi fotogrammetrici

Anche il campo dell’incidentistica trova vantaggio nello sfruttare il potenziale della fotogrammetria con drone. Infatti, in pochissimi minuti, la fotogrammetria con drone riesce a restituire molti dati di una precisa area dove è avvenuto un incidente. I dati raccolti con questo sistema tornano molto utili nelle varie fasi “investigative”. Questo perchè congelano la scena scansionata in un preciso momento nel tempo e documentano lo stato di fatto.

Queste e molte altre le applicazioni pratiche possibili grazie ai rilievi fotogrammetrici eseguibili con i droni. Per ulteriori informazioni, dubbi e/o preventivi vi invitiamo a contattare il nostro staff. Disponiamo di droni professionali e attrezzature ad hoc per eseguire ciascuna delle operazioni sopra menzionate.

CONTATTACI OGGI STESSO

Necessiti di un servizio aereo con uno o più droni? Possiamo aiutarti! Contattaci oggi stesso per parlare delle tue esigenze con un nostro operatore qualificato.