Time Lapse cantieri: tecniche cinematografiche e droni

Il time lapse è una tecnica cinematografica nella quale la frequenza di cattura di ogni fotogramma, è inferiore a quella di riproduzione. Questa differenza fa si che la riproduzione di un singolo frame rate (frequenza di cattura o riproduzione dei fotogrammi che compongono un filmato) standard di 24 fps sembri scorrere nel filmato più velocemente del normale. Oggi è una tecnica particolarmente apprezzata ed utilizzata per monitorare i lavori su un cantiere edile (e non solo). L’impiego di SAPR – Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto da parte di un Operatore autorizzato dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), come lo è ad esempio Overfly, consente di realizzare video in alta definizione, composti da fotografie scattate a brevi intervalli regolari, per riprendere eventi di lunga durata.

Time Lapse: la teoria di funzionamento

Per capire come funziona questa tecnica basta pensare che un frame rate standard di 24 fps riprodotto su uno schermo, mostrerà 24 fotogrammi consecutivi al secondo. Quindi, in condizioni normali, la frequenza di cattura (o di registrazione) e quella di riproduzione si equivalgono. Ed è così che il tempo nel filmato sembra scorrere normalmente.

Invece se la frequenza di cattura è diminuita rispetto a quella proiezione, il tempo nel filmato sembrerà scorrere più velocemente. La variazione di velocità di riproduzione è calcolata dividendo il frame rate di proiezione per quello di cattura. Questa tecnica diventa particolarmente interessante per il monitoraggio dei cantieri edili e come strumento di comunicazione e marketing.

Il time lapse è una tecnica cinematografica nella quale la frequenza di cattura di ogni fotogramma, è inferiore a quella di riproduzione. Questa differenza fa si che la riproduzione di un singolo frame rate (frequenza di cattura o riproduzione dei fotogrammi che compongono un filmato) standard di 24 fps sembri scorrere nel filmato più velocemente del normale. Oggi è una tecnica particolarmente apprezzata ed utilizzata per monitorare i lavori su un cantiere edile (e non solo). L’impiego di SAPR – Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto da parte di un Operatore autorizzato dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), come lo è ad esempio Overfly, consente di realizzare video in alta definizione, composti da fotografie scattate a brevi intervalli regolari, per riprendere eventi di lunga durata

Time Lapse: la teoria di funzionamento

Per capire come funziona questa tecnica basta pensare che un frame rate standard di 24 fps riprodotto su uno schermo, mostrerà 24 fotogrammi consecutivi al secondo. Quindi, in condizioni normali, la frequenza di cattura (o di registrazione) e quella di riproduzione si equivalgono. Ed è così che il tempo nel filmato sembra scorrere normalmente.

Invece se la frequenza di cattura è diminuita rispetto a quella proiezione, il tempo nel filmato sembrerà scorrere più velocemente. La variazione di velocità di riproduzione è calcolata dividendo il frame rate di proiezione per quello di cattura. Questa tecnica diventa particolarmente interessante per il monitoraggio dei cantieri edili e come strumento di comunicazione e marketing.

Time Laps: strumenti, scatti ed eventi

Nella tecnica time lapse il fattore temporale gioca quindi un ruolo di assoluta importanza. La tecnologia di oggi permette di controllare da remoto, un dato progetto da realizzare con questa tecnica. Grazie a questa modalità è infatti possibile gestire al meglio la scena che deve essere ripresa, modificare gli elementi base della fotografia, l’esposizione di ogni scatto e intervenire anche sul numero totale delle immagini registrate.

Per la time lapse cantieri non esiste un numero di scatti ideali, perché tutto dipende dalla portata del progetto e dal risultato che si vuole ottenere. Questo vale sia per i cantieri che per qualunque altra tipologia di lavoro da realizzare. In un’ora ad esempio, gli scatti da realizzare potranno andare da pochi fotogrammi a cadenze di scatto molto superiori. Di norma è scattata un’immagine al secondo, con un’apertura del diaframma della camera del drone molto ampia. Con questa impostazione, ad esempio, è possibile riprendere il traffico presente su una strada, oppure il numero di aerei in partenza o atterraggio in un aeroporto.

Invece uno scatto realizzato in un intervallo di tempo impostato fra uno e cinque secondi è ottimo per riprendere eventuali fenomeni atmosferici, come ad esempio la formazione e lo spostamento delle nuvole nel cielo, o ancora il passaggio dal giorno alla notte e viceversa. I fenomeni astrali (rotazione della luna e delle stelle) invece sono ripresi, solitamente, con scatti intervallati tra 15 e 30 secondi.



Time Lapse cantieri: durata

Un cantiere, a seconda del progetto, può rappresentare un lavoro edile davvero lungo e impressionante. Può durare pochi giorni, ma anche addirittura diversi mesi, o anni. Per questo genere di progetto i droni impiegati per riprese in time lapse sono dotati di fotocamere con un sistema di alimentazione monitorabile e una memoria accessibile a cadenza periodica.

Anche in questo caso la cadenza degli scatti varia a seconda del risultato da ottenere e dai lavori svolti nel cantiere stesso. Molto spesso, ad esempio, è scelta una cadenza compresa tra i 3 e 5 minuti. In questo caso però la fluidità del movimento risente parzialmente della scelta di cattura. Quindi la cosa migliore è quella di non risparmiare sugli scatti, disponendo, come è ovvio, di maggior spazio di archiviazione. La post produzione risulterà quindi molto semplice e il risultato finale sarà dettagliato, fluido e qualitativamente superiore.

Volendo generalizzare è possibile affermare che per realizzare una time lapse cantieri uno scatto ogni 30 secondi ha modo di garantire un’estrema scorrevolezza e facilità in termini di elaborazione dei dati in post produzione.

Time Lapse cantieri


Time Lapse cantieri e numero di camere impiegate

Maggiore il tempo di ripresa, maggiore il numero di camere da impiegare. Se l’arco temporale da riprendere su un cantiere edile si rivela essere particolarmente lungo, è allora meglio fare affidamento su più postazioni camere. Inoltre un maggior numero di punti di ripresa  ed angolazioni permette un lavoro qualitativamente superiore in fase di post produzione.

I droni da questo punto di vista permettono un lavoro molto versatile e completo, ma la loro posizione e i loro punti di ripresa, devono comunque essere discussi e decisi con i responsabili del cantiere. Questo è necessario per capire quale sarà, ad esempio, l’orientamento dell’edificio così da avere la sicurezza di mantenere l’oggetto nell’inquadratura una volta terminato.

Time Lapse cantieri


Time Lapse cantieri: dalle fondamenta al tetto in pochi minuti

Con questa tecnica possono essere realizzati video in alta qualità, di cantieri edili utili per diversi scopi:

  • monitorare lo stato di avanzamento lavori di un progetto
  • controllare e verificare quanto sia stato compiuto nel periodo precedente
  • controllare se il progetto avanza in linea con le previsioni
  • creare un video dal forte impatto emotivo da utilizzare per fini commerciali e di marketing

La possibilità di riprendere molte immagini di un cantiere in corso d’opera a cadenza ridotta e di riproporle poi a velocità maggiore, riuscendo a racchiudere in pochi minuti tutto quello che è stato costruito in mesi di attività, produce un effetto davvero sorprendente.

CONTATTACI OGGI STESSO

Necessiti di un servizio aereo con uno o più droni? Possiamo aiutarti! Contattaci oggi stesso per parlare delle tue esigenze con un nostro operatore qualificato.