Giappone: prima al mondo, Secom avvia il servizio di sorveglianza tramite drone

“Avviamo il primo impiego al mondo di aerei senza pilota in un servizio di sicurezza privata”.

Così Hiroshi Ito, n.1 di Secom Group, ha ufficializzato il 9 Dicembre scorso l’inizio delle operazioni di sorveglianza svolte da propri SAPR. Seacom.co è una realtà leader nel mondo della sorveglianza privata e commerciale, con oltre 2 milioni di clienti, distribuiti in 21 paesi.

Il progetto del SAPR “vigilante” prevede il volo di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto per la raccolta di immagini in scenari potenzialmente rischiosi o sensibili, ed una centrale operativa pronta ad interpretare in tempo reale eventuali criticità, facendo intervenire le forze di sicurezza sul campo.

Il lancio del servizio, in fase di sviluppo dal 2012, è stata ritardata più volte a causa dei molteplici incidenti che hanno visto i media giapponesi mettere alla gogna l’utilizzo di droni nel paese del Sol Levante – non per ultimo, l’atterraggio del drone radioattivo sul tetto dell’ufficio del primo ministro Giapponese, verificatosi lo scorso Marzo.

Secom inizierà ad offrire il servizio di sorveglianza tramite SAPR – che verrà avviato in impianti industriali di grandi dimensioni ed in strutture commerciali – sulla base di un recentissimo aggiornamento delle leggi giapponesi che regolamentano l’impiego di droni in ambito civile.Secondo i funzionari della società, l’utilizzo di un drone risulterà più efficace rispetto alle classiche telecamere di sicurezza, per possibilità di avvicinamento e potenziale osservazione ravvicinata del “target”.

Il drone Secom misura 57 centimetri di lunghezza e larghezza, 22,5 centimetri di altezza e pesa 2,2 chilogrammi.
Quadricottero, volerà tra i 3 ed i 5 metri dal suolo, ad una velocità massima di 10 km orari.

Decollo automatico dalla stazione di ricarica, con navigazione autonoma sulla base di mappe 3D realizzate per ogni specifico scenario operativo, e sistema di “follow me” dell’intruso, che sarà georeferenziato ed illuminato a giorno dal potente sistema di illuminazione caricato a bordo del drone.

Il primo drone verrà distribuito in un impianto industriale nella prefettura di Yamagata.