Ispezioni con drone delle strutture per telecomunicazioni

Nell’articolo precedente: “Ispezioni con drone di ripetitori telefonici” abbiamo iniziato a vedere cosa sono i ripetitori telefonici e come e quando possono essere ispezionati e controllati grazie ai SAPR. Overfly, che opera in questo settore da anni, ha accumulato un grande e profonda esperienza nell’ispezione con drone  delle strutture per telecomunicazioni. Molto frequentemente, infatti, arrivano richieste da parte di aziende ed enti che hanno in gestione pali, ripetitori e strutture carrellate per eseguire accurati controlli sullo stato delle strutture e sul loro corretto funzionamento.

Lo staff di Overflay è sempre disponibile per eseguire sopralluoghi preventivi, per dare consigli ed informazioni. Pertanto, per qualunque dubbio, o solo per avere un preventivo gratuito, vi invitiamo a prendere contatto con la nostra sede operativa al numero unico nazionale 199 240 703, oppure 04 982 57 891. In alternativa è possibile compilare il form di contatto presente in questa pagina dedicata. Risponderemo a qualunque domanda e richiesta, venendo incontro alle necessità e alle esigenze di tutti. Continuiamo adesso a vedere quante e quali sono le strutture per telecomunicazioni che possono subire le nostre ispezioni con drone.

Strutture per telecomunicazioni: ripetitori passivi, roof top e strutture carrellate

I ripetitori telefonici non sono tutti uguali. Ne esistono svariate tipologie, che abbiamo già iniziato a vedere nell’articolo precedente. Dopo i pali poligonali e quelli flangiati, passiamo adesso a scoprire i ripetitori passivi, i roof top e le strutture carrellate.

Ispezioni con drone

Ripetitori passivi

I ripetitori passivi sono usati per realizzare reti radio a microonda. Sono impiegati soprattutto nelle aree a ridotta visibilità radioelettrica a causa di ostacoli interposti alle tratte radio (montagne, palazzi, alberi, ecc…). Si tratta di ripetitori che non necessitano di alcuna fonte di alimentazione, in quanto fungono da “specchi”, riflettendo il segnale radio che ricevono. Sono composti da superfici riflettenti grandi da 5 a 67 metri quadri (ma arrivano anche a 130 metri quadri). Sono installati su tralicci già esistenti, oppure su appositi piloni tralicciati. Le ispezioni con drone di queste strutture prevedono il sorvolo e il controllo della seguente componentistica:

  • superfici riflettenti
  • struttura di supporto (pilone)
  • giunzioni bullonate
  • sistemi antisalita
  • scalette di risalita realizzate mediante guide rigide di sicurezza e/o tradizionali scale con guardiacorpo
  • sistemi per l’ampliamento degli angoli di orientamento
  • fondazioni “zoppe” per l’installazione su superfici in pendenza (in montagna)

Roof Top

Si tratta delle installazioni probabilmente più comuni che capita di vedere in ogni centro urbano. Le antenne sono ancorate ai tetti degli edifici mediante elementi strutturali zincati e gli impianti soggetti ad ispezioni con drone, sono composti da:

  • paline e/o pennoni a parete – installabili su terrazzi e pareti o su vani scala, mediante staffatura a muro
  • tralicci leggeri strallati a parete – possono essere installati direttamente su pareti già esistenti.
  • telai zavorrati – si tratta di una struttura autostabilizzata, con una o più paline porta antenne, triangolare o rettangolare, adatta per solai piani. Questi telai danno la possibilità di installare da una a quattro paline/pennoni di altezza variabile fino a 4 metri.
  • sistemi combinati – combinano i telai zavorrati con le paline/pennoni, o con i tralicci leggeri.

Ispezioni con drone

Strutture carrelate

Si tratta di una struttura telescopica ideata per far fronte alle più attuali problematiche legate agli impianti per telecomunicazioni provvisori. Si utilizzano sia per la telefonia mobile, che per i ponti radio. Sono prodotti compatti, facili da trasportare e manovrare, a differenza delle precedenti soluzioni viste finora. Il traliccio telescopico è composto da:

  1. carrello con telaio di appoggio – il carrello è rimorchiabile e composto da quattro diversi elementi: carrello omologato per il rimorchio su strada, shelter, traliccio telescopico, quadro elettrico di distribuzione oltre ad una serie di accessori per l’installazione e la messa in esercizio dell’impianto.
  2. struttura telescopica tralicciata – il palo portantenne può arrivare anche fino a 6 metri di altezza.
  3. palo di sommità portantenne – l’elevazione del ripetitore può arrivare anche fino a 30 metri di altezza.

Ciascuna di queste strutture necessita di manutenzioni e controlli costanti, nonostante si tratti di un impianto piuttosto semplice e mobile. Controlli che, molto spesso possono essere eseguiti anche con i droni. Le strutture carrellate sono, a differenza delle precedenti, compatte, versatili, facili da manovrare, veloci da installare, sicuri e, se non bastasse, occupano una superficie di ingombro molto più limitata. Tanti pro e pochi contro, ma necessitano comunque di verifiche e controlli costanti per assicurarsi che tutto funzioni correttamente.

CONTATTACI OGGI STESSO

Necessiti di un servizio aereo con uno o più droni? Possiamo aiutarti! Contattaci oggi stesso per parlare delle tue esigenze con un nostro operatore qualificato.