Earth Observation da Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto (SAPR)

I SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto), conosciuti comunemente con il nome di “droni”, sono oggi delle risorse di assoluta importanza in ambito di edilizia civile ed urbanistica, ma anche nel settore agricolo. Se pilotati e utilizzati da mani esperte possono adempiere a moltissimi incarichi che risulterebbero difficoltosi (e a volte impossibili) per l’uomo. I SAPR ormai sono impiegati in tanti ambiti e messi a servizio di differenti campagne e clienti. Dal privato, al libero professionista, fino alle Pubbliche Amministrazioni. I droni hanno apportato grande beneficio al lavoro umano in tanti differenti settori. Uno di questi è rappresentato dall’ Earth Observation, vale a dire dall’osservazione della Terra.

Una pratica largamente impiegata per diversi scopi. Non esiste una definizione standard di questa attività, anche se la più restrittiva la identifica con il Remote Sensing (Telerilevamento). Il telerilevamento è l’osservazione della superficie terrestre per mezzo di sensori posti sui droni (e non solo). Volendo invece trovare un’accezione più ampia, l’Earth Observation comprende l’acquisizione di informazioni di tipo fisico, chimico o biologico sulle diverse componenti della Terra (geosfera, idrosfera, biosfera, atmosfera) sia da Remote Sensing che da reti di misura a terra.

Earth Observation: quali droni vengono utilizzati

I SAPR sono solitamente classificati in due diverse tipologie: ad ala fissa e ad ala mobile. I droni ad ala fissa ricordano nell’aspetto, dei piccoli aerei, in scala ridotta. Sono impiegati soprattutto per il rilevamento di estensioni di territorio ampie e pianeggianti e di fasce di territorio lineari. I SAPR ad ala mobile invece sono chiamati anche “multirotore” e ricordano degli elicotteri in scala. Sono dotati di un numero maggiore di rotori, che varia da 4 ad 8, a seconda dei modelli. I multirotore sono più adatti al rilevamento di superfici dalla morfologia complessa: discariche e siti contaminati, corpi di frana situati su pendii ripidi, o pareti subverticali.

I multirotore possono eseguire riprese in hovering che prevede delle riprese con drone nelle quali il SAPR staziona in un punto fisso sopra la zona d’interesse. Si tratta di una modalità molto utile nell’Earth Observation perché consente di avere una visione d’insieme della zona di interesse (utile ad esempio in caso di emergenza ambientale).

Earth Observation

Earth Observation: applicazioni pratiche

Le applicazioni pratiche dell’Earth Observation sono varie, utili e molto specifiche. I droni infatti possono essere utilizzati per diverse attività che rientrano tutte nell’osservazione della Terra:

Qualità delle acque

  1. Monitoraggio dei fenomeni eutrofici (es. mucillaggini, fioriture algali,…) nei piccoli laghi
  2. Identificazione di scarichi abusivi in corpi idrici

Idrologia, clima e agrometeorologia

  1. Stima delle variazioni volumetriche dei ghiacciai, monitoraggio delle variazioni frontali e delle aree periglaciali
  2. Monitoraggio delle velocità superficiali di ghiacciai rocciosi e di versanti ice affected
  3. Mappatura campionaria delle colture in atto
  4. Rilievi di dettaglio geometrico di vigneti e frutteti
  5. Mappatura campionaria dello stato fenologico delle colture
  6. Monitoraggio della fenologia di ecosistemi naturali
  7. Mappatura del fabbisogno di azoto delle colture (Agricoltura 4.0)
  8. Stima campionaria del fabbisogno idrico delle colture (Agricoltura 4.0)
  9. Monitoraggio campionario dello stress idrico delle colture (Agricoltura 4.0)
  10. Monitoraggio campionario dell’umidità del suolo
  11. Valutazione campionaria dei danni alle colture provocati da eventi meteorologici estremi (es. grandinate, trombe d’aria, ecc…)

Invasi e dighe

  1. Misura della volumetria dei sedimenti prima e dopo lo svaso
  2. Monitoraggio delle operazioni di svaso
  3. Valutazione degli impatti dello svaso sul corso d’acqua a valle: mappatura della deposizione dei sedimenti, valutazione della torbidità
  4. Monitoraggio dei frangiflutti e barriere artificiali marine

Earth Observation e Conservazione della natura e delle  foreste

  1. Monitoraggio della vegetazione riparia
  2. Mappatura degli ecosistemi naturali e loro monitoraggio temporale
  3. Monitoraggio degli incendi di torbiera
  4. Monitoraggio campionario dello stato fitosanitario della vegetazione naturale

Grandi cantieri

  1. Stima dei volumi delle terre e delle rocce movimentate
  2. Monitoraggio degli impatti sulla vegetazione naturale e verifica del corretto ripristino dell’area del cantiere al termine dei lavori

Qualità dell’aria

  1. Prelievi di campioni di aria e/o misurazione di parametri di qualità dell’aria in prossimità di impianti industriali, discariche
  2. Misure di flussi di materia (evaporazione e sostanze chimiche) e calore

Agenti fisici

  1. Monitoraggio dei campi elettromagnetici ad alta frequenza da stazioni radio-base
  2. Monitoraggio della radioattività sopra discariche, siti potenzialmente contaminati, siti di stoccaggio di rottami

Earth Observation

Earth Observation e Difesa del suolo, idrogeologia

  1. Rilievo plano-altimetrico delle frane, anche su pareti verticali
  2. Monitoraggio della circolazione dell’acqua nelle frane, identificazione di fessurazioni, faglie
  3. Mappatura aree interessate da eventi specifici (debris flow, frane di crollo, …)
  4. Osservazione da remoto di una zona specifica della frana per uno dei seguenti motivi: ispezione di un sensore geotecnico malfunzionante monitoraggio di un’area in fase di rapido movimento

Valanghe

  1. Mappatura aree percorse da valanga (post evento) e stima volumi di accumulo
  2. Rilevamento delle aree colpite da valanghe

Cave

  1. Stima dei volumi scavati
  2. Verifica del corretto ripristino delle cave dismesse

Discariche

  1. Controllo della profondità degli scavi preparatori della discarica
  2. Controllo dei volumi di rifiuti conferiti in discarica
  3. Individuazione di percolazioni e di emissioni di biogas da discariche di rifiuti solidi urbani attraverso l’analisi delle anomalie della temperatura superficiale

Siti contaminati

  1. Mappatura campionaria delle coperture in cemento-amianto.
  2. Acquisizione di indizi sulla potenziale presenza di materiali sepolti attraverso l’analisi delle anomalie della temperatura superficiale

Earth Observation ed Energia e sviluppo sostenibile

  1. Mappatura delle emissioni termiche degli edifici

Vista la complessità delle attività appena elencate, il consiglio è sempre quello di rivolgersi a veri professionisti esperti del settore. Non si tratta infatti di attività nella quali è possibile improvvisare ed occorre invece una conoscenza tecnica molto profonda. Vi invitiamo pertanto a contattare lo staffi di Overfly per informazioni e preventivi, siamo lieti di mettere a disposizione la nostra esperienza pluridecennale per qualsiasi tipologia di lavoro.

CONTATTACI OGGI STESSO

Necessiti di un servizio aereo con uno o più droni? Possiamo aiutarti! Contattaci oggi stesso per parlare delle tue esigenze con un nostro operatore qualificato.